Olfatto del bambino

olfatto del bambino

L’olfatto negli adulti è uno dei sensi che gioca un ruolo minore, rispetto agli altri 4 sensi, durante la vita di tutti i giorni. Noi adulti normalmente non viviamo di odori e non ci accorgiamo facilmente degli odori che ci circondano, se non per quanto riguarda il malodore di un cibo avariato, la puzza di bruciato o altri odori molto forti. Un adulto privato del suo senso olfattivo potrebbe condurre una vita senza troppe difficoltà rispetto alla privazione della vista la cui mancanza è piuttosto invalidante.

L’ olfatto del bambino

L’olfatto del bambino invece è molto sviluppato, soprattutto nei neonati, ed il bambino è estremamente sensibile agli odori. Il neonato è immerso in un mondo fatto di odori. Già dalla nascita l’olfatto del neonato è ben sviluppato e questo accade anche nei nati prematuri. Alcuni studi hanno dimostrato che il bambino impara a riconoscere la propria madre dall’odore in brevissimo tempo. Ecco perché è molto importante che la madre ed il bambino siano a stretto contatto soprattutto dopo la nascita (skin to skin).

Il sonno del bambino e l’odore della madre

I bambini si svegliano durante la notte, perché questo è fisiologico ma, come insegno nelle mie consulenze, riaddormentarsi è naturale. In molti casi suggerisco alle mamme l’utilizzo di un indumento o un doudou da mettere dentro il lettino, preoccupandosi preventivamente di averlo tenuto indosso per alcune ore in modo da “impregnare” il tessuto del proprio odore. Tutto ciò che ha l’odore della mamma ha un effetto tranquillizzante nei bambini, soprattutto quando si svegliano la notte. I genitori che hanno appreso il metodo ReSleeping® – dormire naturalmente – sanno che il bambino ha la capacità di riaddormentarsi da solo dopo ogni risveglio, ed il doudou è uno degli elementi (non l’unico) che aiutano in questo processo. Ovviamente non stiamo parlando dei neonati.

Consiglio inoltre alle mamme di non utilizzare profumi in modo da lasciare l’odore della propria pelle inalterato e dare la possibilità al bambino di poterla riconoscere.

resleeping gabriella dellisanti hp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.