Rispettare il corpo del bambino

rispettare il corpo del bambino

Rispettare il corpo del bambino è un tema molto importante che abbiamo deciso di trattare in questo breve articolo.

Il corpo del bambino

Tutti i bambini, neonati inclusi, hanno una fase iniziale di presa di consapevolezza del proprio corpo e necessitano di un periodo, alle volte abbastanza lungo, per poterlo gestire autonomamente. Gli adulti come i genitori, i nonni, la tata, il pediatra, o chiunque venga in contatto con il bambino, ha il compito di rispettare il corpo del bambino. È vero che ci sono delle attività da svolgere come cambiargli il pannolino, lavarlo, spostarlo dalla culla in braccio e tante altre situazioni, ma il principio di base è quello di avvicinarsi ed entrare in contatto con il bambino e con il suo corpo con il massimo rispetto, la dovuta delicatezza e soprattutto comunicando con lui.

Rispettare il corpo del bambino

Perché diciamo questo? Per meglio spiegare questo concetto proveremo a fare qualche esempio. Immaginate che adesso, mentre state leggendo questo articolo, all’improvviso qualcuno da dietro si avvicini a voi e, senza dirvi nulla, vi sfila la maglia in maniera brusca ed irruente lasciandovi a dorso nudo. O magari siete seduti a tavola a mangiare e un omone alto e grosso vi prende di peso e vi tira su dalla sedia portandovi via senza preavviso o comunicazione. Come vi sentireste in queste situazioni? Gradireste un trattamento del genere o preferireste un approccio più delicato, magari essendo informati di ciò che sta accadendo?

Il punto di vista del bambino

Dopo gli esempi fatti siamo certi che è più chiaro adesso guardare il mondo dal punto di vista del bambino e riconoscere che, alle volte, noi adulti usiamo la nostra superiorità fisica per imporci. Pertanto quello che possiamo fare noi adulti è quello di iniziare a considerare il bambino come noi, con delle proprie sensibilità ed un proprio corpo fisico, al quale non piacciono le invasioni senza essere avvisati. Questo non significa che un genitore sbagli a prendere il bambino mentre sta giocando per portalo a mangiare. Quello che possiamo fare però è imparare innanzitutto a comunicare con lui e ad avvicinarlo sempre dopo aver aperto una comunicazione con lui.

La comunicazione con il bambino

Lo stesso discorso vale quando riteniamo opportuno che il bambino vada a dormire. Pensare di prendere il bambino e metterlo nella culla o nel lettino e pretendere che si addormenti non sempre funziona. Anche in questo caso è necessario aprire una comunicazione con il bambino facendogli comprendere, con la nostra voce, con dei gesti e dei rituali, che è arrivato il momento della nanna e che stiamo per accompagnarlo in questo processo. Ecco perché prima della nanna è importante quella che noi chiamiamo “comunicazione“, un processo che ci aiuterà sia nell’addormentamento del bambino che nella nanna di tutta la notte.

sonno del bambino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *